Serravalle e dintorni...

- ATTIVITA' DELLA POLIZIA DI STATO -
ACTION DAY - FURTI DI METALLI/RAME
- 27 MAGGIO 2015 -

In relazione alle direttive impartite dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale, in questo Capoluogo nella giornata di ieri si è svolta la fase esecutiva dell’iniziativa  denominata “Action Day”, dedicata alla prevenzione ed al contrasto dei furti di metalli/rame. Durante detto servizio sono state impiegate pattuglie della Squadra Mobile, del Posto di Polizia Ferroviaria e della Sezione Polizia Stradale e sono stati effettuati controlli amministrativi/ambientali presso un’azienda di trasporti e un deposito di materiali ferrosi, sedenti rispettivamente in Poggiorenatico e Ferrara. Nel corso delle attività sono state identificate nr. 33 persone, dei quali nr. 8 con precedenti di polizia e controllati nr. 23 veicoli.

Sempre nell’ambito di detto servizio è stato denunciato S.M., cittadino italiano cl. 1963, s.f.d., in quanto riconosciuto da un testimone come il responsabile del tentativo di furto da una colonnina dell’Enel di un grosso cavo in rame della lunghezza di circa 8 metri. L’intervento della Polizia di Stato veniva richiesto da una signora che aveva notato in una piazza di Pontelagoscuro un uomo il quale con una accetta stava colpendo ripetutamente il citato cavo. Questi, avuto il sentore che qualcosa stava mettendo in pericolo il suo anonimato, interrompeva l’azione e si allontanava. Una volta giunti sul posto gli Agenti richiedevano l’intervento di personale dell’Enel il quale provvedeva a mettere in sicurezza il cavo fortunatamente non in tensione in quanto da utilizzarsi per forniture straordinarie di elettricità e sequestrare l’accetta che si trovava abbandonata a terra. Mentre gli operatori erano ancora impegnati nel sopralluogo, giungeva al “113” la segnalazione di un individuo che aveva infranto il vetro di una autovettura parcheggiata in una vicina via per poi allungarsi all’interno dell’abitacolo del mezzo alla ricerca di oggetti da asportare. La pattuglia interrompeva temporaneamente il suo intervento e procedeva ad una ricognizione in zona riuscendo a fermare S.M. nonostante il suo tentativo di nascondersi appena scorta l’auto con i colori d’istituto. Il malfattore messo a confronto con i testimoni che l’avevano visto in azione veniva da questi riconosciuto come l’esecutore dei due tentativi di furto e pertanto denunciato alla locale Procura della Repubblica. 


28.5.15                  Contatore visite